Osimhen sta bene ma non ha ricordi dell’incidente

0
15

Ha trascorso una notte tranquilla, Victor Osimhen, ricoverato da ieri sera all’ospedale Papa Giovanni XXIII°di…

Ha trascorso una notte tranquilla, Victor Osimhen, ricoverato da ieri sera all’ospedale Papa Giovanni XXIII°di Bergamo. Il centravanti del Napoli è tuttora in osservazione e tra qualche ora, dopo gli ulteriori accertamenti programmati, verrà dimesso e potrà fare ritorno a Napoli. La tac a cui è stato sottoposto subito dopo l’arrivo in ospedale ha evidenziato un trauma cranico, motivo per cui è stato necessario trattenerlo. Il giocatore è assistito anche da Raffaele Canonico, il medico sociale, che è rimasto a Bergamo. I due rientreranno tra qualche ora. Domani, Osimhen dovrà essere sottoposto nuovamente a tutti gli accertamenti del caso, presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno, dove verrà visitato dal primario di neurochirurgia, il professor Alfredo Bucciero. Passata la grande paura, adesso, Osimhen dovrà osservare un periodo di riposo così com’è previsto dal protocollo sanitario in casi del genere. Il nazionale nigeriano salterà sicuramente la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, in programma giovedì sera al San Paolo, contro il Granada. Il trauma cranico riportato e il conseguente ricovero in ospedale, comporterà un recupero graduale. La sua presenza è in dubbio anche per la gara di campionato, contro il Benevento di domenica, nonostante le sue condizioni non destino preoccupazioni. Non ha ricordi, Osimhen, dell’incidente. Stamattina, ha chiesto lumi al dottor Canonico, che gli ha raccontato della caduta e delle conseguenze per il trauma subito, dopo aver battuto la testa sul prato dello stadio bergamasco. Quei minuti in cui è rimasto incosciente, hanno generato il panico, in campo e sulle tribune, dove era accomodati gli infermieri in servizio allo stadio. Per fortuna, Osimhen è ritornato cosciente già prima di raggiungere l’ospedale in ambulanza. Il riposo della notte, poi, l’ha aiutato a riprendersi per bene.

fonte Gazzetta dello Sport

 

Fonte : PositanoNews.it