Covid in Costa d’ Amalfi stasera sul Positanonews Talk Show anche Gerardo Russomando “Più di 1400 contagi e 15 morti”

0
54

Covid in Costa d’ Amalfi stasera sul Positanonews Talk Show anche Gerardo Russomando “Più di…

Covid in Costa d’ Amalfi stasera sul Positanonews Talk Show anche Gerardo Russomando “Più di 1400 contagi e 15 morti”. L’ex assessore di Maiori specifica “Sono un osservatore, e l’impressione che l’onda di contagi da Coronavirus Covid-19 stia crescendo.. la cosa che si osserva è che le reazioni locali sono state simili, salvo Cetara, che con la politica dei tamponi è riuscita a rimanere Covid-free per due mesi”

Reazioni diverse
Le misure messe in atto nei diversi Comuni della costiera amalfitana per fronteggiare la pandemia non sono state tutte uguali.
Nella prima ondata a Cetara furono adottati provvedimenti molto più forti dal punto di vista delle “chiusure” ed anche il numero di tamponi effettuati rispetto alla popolazione residente fu estremamente elevato.
Ma, dal 10 febbraio, dopo ben 47 giorni, anche in quel Comune c’è stata una ripresa dei contagi ed il Sindaco l’altro ieri ha adottato provvedimenti simili a quelli presi nella prima ondata.
Niente di tutto ciò è stato fatto mai negli altri Comuni.
La tabella allegata evidenzia, nel confronto con alcuni dei Comuni che hanno ad oggi le percentuali più alte di contagi, che solo a Cetara c’è stata un’ampia parentesi così lunga (stupidamente viene chiamata “Covid free”), senza emersione di nuovi contagi.
L’ipotesi più realistica che si può fare è che l’alta percentuale (56%) di tamponi fatti a Cetara all’inizio della prima ondata, associata alle misure adottate sul fronte delle chiusure, fece sicuramente emergere un elevato numero di positivi asintomatici, ma ha anche assicurato un lungo periodo tranquillo a differenza di tutti gli altri Comuni.
Report Covid di Russomando
Quadro riassuntivo costiera amalfitana (aggiornato al 25 febbraio)
Complessivamente i contagi in costiera amalfitana, dall’inizio della pandemia, sono arrivati quasi a 1400 ed i morti sono stati finora 15.
In 3 Comuni – Cetara, Ravello e Scala – il numero dei positivi emersi ha superato il 5% della popolazione.
La nuova tabella evidenzia nella terza colonna il totale dei positivi emersi fino a Natale (prima ondata) per ogni singolo Comune.
Nelle 3 colonne successive ci sono gli ulteriori positivi da quella data fino al 12 gennaio, dal 13 gennaio al 9 febbraio e dal 10 febbraio al 24 febbraio.
In questo modo si osserva chiaramente come a Cetara, dopo la prima ondata, per ben 47 giorni non sono emersi nuovi contagi.
Stessa cosa sta accadendo a Furore. Dal 13 gennaio, e sono già 45 giorni, non ci sono nuove emersioni di positivi.
Sono due casi che meriterebbero sicuramente un approfondimento.
Provare a capirne il motivo aiuterebbe certamente a focalizzare meglio cosa fare negli altri Comuni per limitare i danni del dilagare dei contagi.
Le ultime 2 colonne riportano il totale dei positivi per ciascun Comune dall’inizio al 25 febbraio, e la relativa percentuale rispetto alla popolazione.
Tabella Covid di Gerardo Russomando

Fonte : PositanoNews.it